Home

Lista parziale degli avversari di Capitan America:

Marvel Titan Hero Series Captain America

Too low to display


Captain America: The First Avenger (2011) - IMDb

Dopo il passaggio di Simon e Kirby alla DC Comics, avvenuto alla fine del 1941, la serie venne disegnata da e . Capitan America apparve anche in altre collane Timely come (1-19), (80-84 e 86-92), (6-17) e (1-10).

Con la fine della guerra, la popolarità dei supereroi conobbe un calo; la Timely cercò di superare il momento realizzando il suo primo super-gruppo, la ; qui Bucky venne sostituito dalla fidanzata di Capitan America, Betsy Ross, nei panni dell'eroina . Il gruppo durò lo spazio di due storie pubblicate sui numeri 19 e 21 di . La collana venne chiusa con il numero 75 (febbraio 1950). Nel il successore della Timely, , tentò di reintrodurre Capitan America (insieme alla Torcia Umana originale e a Sub-Mariner) nel numero 24 di . Dopo una manciata di apparizioni su quest'ultima e su , vennero realizzati tre ulteriori numeri della collana originale, dove il pericolo nazista era stato sostituito con quello del : la rivista era dotata del sottotitolo "Captain America, Commie Smasher!". Tuttavia l'esperimento della Atlas fu un insuccesso commerciale, e venne presto accantonato in favore di altre tipologie di fumetti.

Captain America - Wikipedia, the free encyclopedia

  • 2.3 Capitan America: Rinato
    • 2.3.1 A chi andrà lo Scudo?
  • Marvel's Captain America: Civil War

    La prima apparizione di Capitan America durante la cosiddetta "" è avvenuta nel numero 114 di (novembre 1963); in realtà, il personaggio che interagisce con la , descritto come leggendario eroe della Seconda Guerra Mondiale tornato dopo un periodo di presunto ritiro, è un impostore. Una didascalia alla fine del racconto, scritto da Stan Lee e disegnato da Jack Kirby, avverte che questo era soltanto un test di gradimento per i lettori.

    Capitan America verrà formalmente reintrodotto con il numero 4 dei (marzo 1964): viene risvegliato dai membri dell'omonimo gruppo dopo avere trascorso decenni tra i ghiacci dell' in uno stato di animazione sospesa, cominciata poco dopo la fine della guerra. Negli anni seguenti, le apparizioni post-belliche di Capitan America verranno spiegate tramite . Oltre che ad apparire nei , di cui diventerà presto il leader, le storie "solitarie" di Cap verranno pubblicate nella collana , insieme a , a partire dal numero 59; con il numero 100 diventerà il titolare di una serie omonima. Questa viene non ufficialmente denominata vol. 1, e terminerà col numero 454 (agosto 1996); sarà seguita da vol. 2 (13 numeri, novembre 1996 - novembre 1997), vol. 3 (50 numeri, gennaio 1998 - febbraio 2002), vol. 4 (32 numeri, giugno 2002 - dicembre 2004), e vol. 5 (50 numeri, gennaio 2005 - luglio 2009). A partire dall'uscita numero 600, la serie ha ripreso la numerazione originale.